Thank you, il libro

Può un libro essere allo stesso tempo un libro d’amore per gli oggetti e le persone, un libro di storia, un libro di design, un libro di sociologia e un libro d’azione umanitaria? THANK YOU potrebbe essere tutto questo, ma più che altro vorrebbe essere un libro di idee. Sì, perché quando qualcuno mi chiede quale sia la forza del Lions Clubs International, l’associazione umanitaria cui mi onoro di appartenere, non ho che una risposta: le idee. A partire da quell’idea così semplice, ma di una forza straordinaria, che è l’investire un po’ della nostra vita nella vita degli altri per migliorarla. Il volume in uscita nei prossimi giorni, con prefazione dell’artista visuale Paolo Vegas, contiene infatti la raccolta delle tavole della campagna di comunicazione ideata per il Centro Italiano Lions per la Raccolta degli Occhiali Usati e pubblicata su facebook fin dal dicembre 2013. Le immagini hanno un tema ricorrente: evocano mediante un paio di occhiali e un’unica frase, un personaggio esistito, esistente o immaginario. In ciascuna tavola, ognuno può leggere il significato che desidera: l’ideale ringraziamento del personaggio evocato verso l’operato di una organizzazione che, negli ultimi quindici anni, ha distribuito quarantatre milioni di paia di occhiali nel mondo, dei quali, poco meno di due milioni provenienti dal centro di Chivasso, oppure il nostro ringraziamento verso la persona evocata, per i valori che esprime, le opere che ha scritto o interpretato o ancora per le idee che ha diffuso oppure per le azioni che ha portato a compimento. Il gradimento su scala nazionale, ottenuto dalla campagna di comunicazione online, mi ha indotto a pensare che, quasi in antitesi, valesse la pena raccogliere in un volume cartaceo tali raffigurazioni, le quali, apparenti nature morte, o still life come direbbero i puristi dell’immagine fotografica, rappresentano invece la vita, il carattere e l’impronta di un personaggio in tutta la sua essenza. Il libro, scritto prevalentemente in inglese e i cui proventi andranno al Centro occhiali di Chivasso, nasce quindi dal web, e l’idea su cui è costruito muove i suoi passi dalla rete verso la vita reale dalla cui linfa trae pieno vigore, mentre ancora dalla rete prende a prestito i riferimenti biografici dei personaggi e le loro immagini. Il tutto per far riflettere su quegli occhiali dismessi che abitano nei cassetti di moltissime persone alle quali, invariabilmente, quando decidono di aprire quei cassetti per donare ciò che a loro, in fin dei conti, non servirà mai più, indirizziamo il nostro più sincero Thank you!

Thank You - Men, Women and Myths, as seen through their glasses

About these ads

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...